Royal Opera House di Muscat!

24 Ago 2016 In: Medio Oriente
Più di 60 spettacoli da settembre a maggio: repertorio tradizionale omanita e arabo, opere, balletti, concerti, jazz, musical, World Music ed eventi speciali.

Numerosi ospiti italiani: l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, il Maggio Musicale Fiorentino e, fra gli artisti, Davide Livermore, Paolo Dalla Sega, Stefano Montanari e Marianna Pizzolato.

La Royal Opera House Muscat (ROHM) annuncia la Stagione 2016-2017 firmata dal nuovo Direttore generale Umberto Fanni e intitolata Excellence in Diversity. Nel celebrare il suo quinto anniversario il 12 ottobre 2016 e iniziando quindi il sesto anno di attività, la ROHM continua a offrire un’ampia gamma di spettacoli omaniti, arabi e internazionali di diversi generi, opere, balletti, concerti, jazz, musical, world music e una serie di eventi speciali dedicati alle famiglie. La nuova stagione si aprirà il 29 settembre con Roméo et Juliette di Charles Gounod eseguita dall’Opéra de Monte-Carlo.

Opere prodotte da sei paesi diversi
Il programma operistico offre titoli presentati da compagnie di sei paesi: Principato di Monaco, Germania, Francia, Russia, Italia e Belgio. Oltre al Roméo et Juliette inaugurale, andranno in scena Lohengrin di Wagner eseguito dal Festival Wels Wagner; Don Giovanni di Mozart diretto da Stefano Montanari dall’Opéra de Lyon; Eugene Onegin di Cajkovskij dall’Opera Stanislavsky Moscow; L’italiana in Algeri di Rossini dall’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, protagonista Marianna Pizzolato, e Les Pêcheurs de Perles di Bizet dall’Opéra Royal de Wallonie.
Domingo, Netrebko, Keenlyside: the Art of the Voice
Superstar della lirica saranno protagonisti dei numerosi recital: Placido Domingo canterà in un concerto di gala con la Filarmonica di Brescia e Bergamo e in una seconda serata sarà invece sul podio della Royal Oman Symphony Orchestra. Due appuntamenti per celebrare il quinto anniversario dell’inaugurazione della ROHM nel 2011 quando diresse Turandot e un concerto con la ROSO.
Il soprano Anna Netrebko con il tenore Yusif Eyvazov saranno protagonisti di un concerto con arie di Verdi e Puccini.
Il baritono Simon Keenlyside sarà invece protagonista del tradizionale concerto di gala di fine anno con un programma tratto dal suo ultimo cd Something’s Gotta Give.
Concerti di musica classica
L’8 dicembre 2016 l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, unica compagine sinfonica ospite della stagione, con il suo nuovo direttore principale James Conlon e con lo Swedish Radio Choir (Stockholm), eseguirà, per la prima volta in Oman, la Nona Sinfonia di Beethoven.
Altro appuntamento il 30 marzo 2017 con I Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone che eseguiranno le Quattro Stagioni.
Come sempre la stagione concertistica comprende anche un concerto che ha per protagonista lo splendido organo della ROHM.
Concerti di musica classica
L’8 dicembre 2016 l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, unica compagine sinfonica ospite della stagione, con il suo nuovo direttore principale James Conlon e con lo Swedish Radio Choir (Stockholm), eseguirà, per la prima volta in Oman, la Nona Sinfonia di Beethoven.
Altro appuntamento il 30 marzo 2017 con I Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone che eseguiranno le Quattro Stagioni.
Come sempre la stagione concertistica comprende anche un concerto che ha per protagonista lo splendido organo della ROHM.
Le produzioni della Royal Opera House Muscat
Con la prossima stagione, la Royal Opera House Muscat inizierà un percorso di produzioni proprie con due progetti internazionali: Celebrating Oman, open-air show progettato da Paolo Dalla Sega e dedicato alla Omani Renessaince che sarà raccontata e rappresentata da artisti omaniti e provenienti da tutto il mondo.
È invece pensato in particolare per le famiglie lo spettacolo coprodotto con il Palau des Arts Reina Sofia of Valencia e intitolato The Opera!, messo in scena da Davide Livermore ed eseguito dal Centre of Perfeccionament Placido Domingo.
Repertorio Arabo
Sempre molto apprezzata la programmazione della ROHM dedicata alla musica dell’Oman e del mondo arabo che anche nella nuova stagione presenterà 11 appuntamenti fra i quali i tradizionali Omani Women’s Day Celebration e il concerto di Military Music in cui le più importanti bande militari del mondo sfilano sullo splendente piazzale della ROHM, il Maidan. spectacular with bands marching on the ROHM Maidan.
Fra gli artisti arabi ospiti anche la giovane star palestinese Mohammed Assaf, vincitore di Arab Idol 2013 che sarà accompagnato dalla Multi-Ethnic Star Orchestra; il violinista libanese Jehad Akl e due concerti della superstar saudita Mohammed Abdu.
La stagione si chiuderà con lo show Sailing through Time realizzato dal Caracalla Dance Theatre.
Danza e World Music
Due i balletti di repertorio classico in stagione: Anna Karenina presentata dallo Eifman St Petersburg Ballet e Giselle con il prestigioso American Ballet Theatre.
La sezione di World Music comprende uno spettacolo di street-dancing africana Music and Dance from South Africa, il famoso trombettista jazz Hugh Masekela e il Mafikizolo duo (Theo Kgosinkwe and Nhlanhla Nciz) e le Mahotella Queens). La ROHM è sempre attenta allo scenario musicale dell’oud, strumento che verrà suonato dal virtuoso tunisino Dhafer Youssef. In stagione anche Ana Moura, cantante di fado celebre in tutto il mondo.
Jazz
Quattro le star del jazz internazionale in cartellone a Muscat: le cantanti Madeleine Peyroux e Dee Dee Bridgewater, il trombettista Amir ElSaffar insieme al virtuoso di oud Omar Bashir.
West Side Story: The Musical
Dopo le apprezzate rappresentazioni di musical come The Music Man and My Fair Lady, andrà in scena West Side Story presentato dalla originale compagnia che lo mette in scena a Broadway.
Manifestazioni per le famiglie
Il fitto calendario di appuntamenti per le famiglie e i più piccoli comprende un programma di musica barocca ispirata alla natura con l’Orchestra de Lyon e la partecipazione dell’illustratore Gregoire Pons che dal vivo creerà disegni sulla musica.
L’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino presenterà invece una versione ridotta e in forma di concerto del rossiniano Barbiere di Siviglia; il duo comico Igudesman and Joo presenterà il proprio celebre show And now Mozart. Alla ROHM debutteranno anche gli Swingle Singers. Le celebri Quattro Stagioni di Vivaldi eseguite dai Solisti Veneti saranno arricchite dalla performance del sand artist omanita Shayma Al-Mughairy.
Eventi speciali
Celebrating Rohm’s Fifth Anniversary: il 12 ottobre 2016 è una data importante per la ROHM e per la vita culturale del Sultanato dell’Oman, ricorrendo il quinto anniversario dell’inaugurazione del teatro. Per celebrare questa occasione il teatro preparerà una giornata di attività aperte al pubblico i cui dettagli saranno annunciati a fine agosto.
“Coffee & Dates” con gli artisti
Gli artisti ospiti della nuova stagione saranno protagonisti di una serie di incontri con il pubblico denominata Coffee & Dates nel segno del tradizionale gesto di benvenuto omanita, con caffè e datteri.

Il mobile game del momento sbarca alle BVI e invita alla scoperta della loro variegata fauna, così ricca di vita… e di Pokémon!

Pokémon GO è finalmente approdato anche alle British Virgin Islands, incantevole arcipelago caraibico composto da oltre 60 isole, il luogo perfetto per andare alla ricerca sia di “tosti e prorompenti” Pokémon sia di animali autoctoni. Infatti, l’innovativo videogioco, basato sulla realtà aumentata geolocalizzata, porta i giocatori a caccia di pocket monsters (“mostri tascabili”) nel mondo reale: l’occasione ideale per esplorare le affascinanti isole delle BVI, andando alla scoperta della loro variegata fauna locale.

Grazie al mobile game del momento, la fusione tra il mondo virtuale e quello reale porta gli utenti a percorrere in lungo e in largo i propri dintorni, grazie a un sistema GPS. Per i fortunati che potranno lanciare le proprie Pokéball sulle Isole Vergini Britanniche, si apriranno scenari paesaggistici da sogno: da scogliere rocciose a picco sul mare a lunghi litorali di candide spiagge incontaminate, per non parlare delle meravigliose acque cristalline che circondano le isole.

Non per niente, questo vero e proprio angolo di paradiso è abitato da numerose specie di animali,molte delle quali protette, che assomigliano agli straordinari e amatissimi Pokémon.

Dalle iguane agli uccelli, dalle tartarughe ai delfini, la fauna delle BVI sa sorprendere tutti, semplici turisti ed esperti allenatori di Pokémon allo stesso modo. E allora, con spirito d’avventura, girovaghiamo per le meravigliose BVI, lanciando con destrezza le Sfere Poké per catturare tutti i variopinti animali delle isole e i Pokémon a loro simili.

Non resteranno delusi i Pokémon lovers che hanno sempre avuto un debole per la tenera lucertola di fuoco Charmender (che si evolve poi nel temibile drago volante Charizard), i micidiali serpenti Ekans e Arbok o l’azzurra tartaruga marina Squirtle.

Infatti, le Isole Vergini Britanniche sono molto amate dai rettili: anche questi animali dal sangue freddo trovano particolarmente piacevole il clima delle BVI, dovendo passare diverse ore al sole per aumentare la propria temperatura corporea, in modo non dissimile dai bagnanti che prendono la tintarella in spiaggia. L’arcipelago ospita anche numerose specie di serpenti inoffensivi, come il Virgin Islands tree boa; attivo soprattutto di notte, questo boa autoctono si mimetizza facilmente con le foreste in cui abita, grazie alla sua pelle marrone con chiazze scure.

Sulle BVI si trovano anche le Anegada rock iguana, gli abitanti più imponenti e massicci delle isole. Presenti soprattutto su Anegada, isola da cui prendono il nome, queste iguane sono rintracciabili su diverse isole dell’arcipelago, da Guana Island a Necker Island. L’Anegada rock iguana è oggi una specie a rischio, anche a causa della presenza di gatti selvatici che ne divorano i cuccioli. Per far fronte a questa situazione, il BVI National Parks Trust ha creato il Rock Iguana Hatchery, un vivaio protetto ad Anegada dove le uova di questo rettile vengono fatte schiudere al riparo dai predatori; una volta cresciuti, i cuccioli vengono liberati nel loro habitat naturale, dove posso crescere fino alla considerevole lunghezza di 1.8 metri.

Chi invece non sa resistere alla simpatia del Pokémon-pompiere Squirtle si entusiasmerà sicuramente alla vista delle tartarughe marine verdi e di quelle embricate, famose per il loro becco appuntito simile a quello di un falco (non per niente, in inglese si chiamano “hawksbill turtle”). È possibile ammirare queste fantastiche creature facendo snorkeling, osservandole nel loro habitat naturale marino, dove  passano la maggior parte della propria vita. Le femmine di tartaruga marina escono dall’acqua quando devono deporre le uova, nascondendole in buche appositamente scavate nella sabbia e sperando che, una volta usciti dal guscio, i cuccioli riescano a tuffarsi in mare prima di essere raggiunti dai predatori.

Tra le loro spiagge preferite delle BVI vi sono quelle di soffice sabbia su Tortola, come Josiah’s Bay, Trunk Bay e Lambert Bay.

Un altro comune abitante dell’arcipelago è uno dei mammiferi più amati al mondo: il delfino. Ben noto è il carattere affettuoso e socievole di questi animali, proprio come quello del pocket monster Lapras, altrettanto espansivo e intelligente. Molto raro da trovare, questo affascinante Pokémon marino è stato avvistato nelle acque trasparenti delle BVI, insieme a delfini e centinaia di coloratissimi pesci.

Chi volesse vivere la magica avventura di nuotare insieme ai delfini potrà prendere parte al Dolphin Discovery Tortola al Prospect Reef Port, sull’isola di Tortola: sarà possibile nuotare con questi splendidi e intelligentissimi animali, osservandone le evoluzioni acrobatiche al di sotto e al di sopra della superficie dell’acqua. Chissà che nel mentre non si riesca anche a catturare altri Pokémon marini, attratti dai salti dei delfini.

Anche chi sta sempre a scrutare il cielo in cerca di Pokémon volanti, come Pidgeot o Spearow, deve assolutamente andare in esplorazione delle Isole Vergini Britanniche. Molte, infatti, sono le varipinte specie di uccelli presenti alle BVI: dal minuscolo caribe golaverde, un colibrì dalle piume iridescenti, aipellicani, tanto aggraziati in acqua quanto goffi sulla terra, dai sinuosi fenicotteri rosa che popolanoNecker Island e Guana Island alle tortore, da cui, secondo una tradizione locale, deriverebbe il nome dell’isola di Tortola.

Una vera e propria riserva dove vivono circa 50 diverse specie di uccelli è Guana Island, piccola isola privata poco più a nord di Tortola. Le sue foreste vergini, circondate da bianche spiagge e scogliere rocciose, costituiscono l’habitat ideale anche per alcune specie a rischio, come il Newton’s barefoot screech owl, un gufo tempo fa ritenuto estinto. Si dice addirittura che i tre uccelli leggendari (Articuno, Zapdos e Moltres) si nascondano nei pressi di quest’isola, pronti a tener testa agli allenatori di Pokémon così temerari da sfidarli.

Billabong Pro Tahiti

8 Ago 2016 In: Polinesia Francese

Dal 19 al 30 agosto, Billabong Pro è pronta a mettere in mostra i migliori campioni di surf del mondo.
I meravigliosi spot che si possono trovare su Le Isole di Tahiti, tra cui gli imperdibili Teahupo’o, Taapuna e Papara di Tahiti, sono sicuramente mete irrinunciabili per i surfer professionisti e non, alla ricerca dell’onda  perfetta.
Situato a Tahiti iti (la piccola penisola di Tahiti), il villaggio di Teahupo’o è divenuto uno degli spot più amati al mondo, grazie soprattutto al suo Hava’e pass, rinomato per le sue eccezionali La gara di surf Billabong Pro Tahiti si terrà proprio qui, dal 19 al 30 agosto.
Parte del circuito della World Surf League e settima tappa del circuito dell’ASP World Tour, Billabong Pro Tahiti è una delle più importanti competizioni sportive che vengono organizzate sulle Isole di Tahiti, che vedono sfidarsi i più importanti surfisti locali ed internazionali su onde da record mondiale.
Alcuni dei più importanti campioni hanno registrato fenomenali risultati in occasione di questa competizione, tra cui Michel Bourez, quinto campione mondiale nel 2014, divenuto una delle maggiori icone per i giovani polinesiani.

La competizione richiama come ogni anno l’attenzione di media,  appassionati e professionisti del settore con un appuntamento immancabile, nonché occasione per approfittare di un break estivo in una delle destinazioni più sognate di sempre.

Royal Opera House di Muscat

29 Lug 2016 In: Medio Oriente

Proponi ai tuoi clienti un evento culturale alla Royal Opera House di Muscat!

Più di 60 spettacoli da settembre a maggio: repertorio tradizionale omanita e arabo, opere, balletti, concerti, jazz, musical, World Music ed eventi speciali.

Numerosi gli ospiti italiani: l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, il Maggio Musicale Fiorentino e, fra gli artisti, Davide Livermore, Paolo Dalla Sega, Stefano Montanari e Marianna Pizzolato.

La nuova Stagione 2016-2017 della ROHM, firmata dal Direttore generale Umberto Fanni e intitolata Excellence in Diversity, si aprirà il 29 settembre con Roméo et Juliette di Charles Gounod eseguita dall’Opéra de Monte-Carlo.

“Rum-Tour” (e non solo) per scoprire le migliori spiagge delle BVI

Painkiller, Rum Punch, Bushwacker: le incantevoli spiagge  delle Isole Vergini Britanniche sono il luogo perfetto in cui sorseggiare un rinfrescante cocktail tropicale

Splendide spiagge di candida sabbia, scogliere affioranti dal mare, lo scintillio dei raggi del sole su acque cristalline: le 60 isole che compongono l’arcipelago delle British Virgin Islands sono un vero e proprio paradiso terrestre, il luogo ideale per chi vuole lasciarsi cullare dal dolce suono delle onde, in totale relax e senza preoccupazioni di alcun tipo. Questo quadro idilliaco, praticamente perfetto, può essere completato aggiungendo una piccola nota di colore, che lo renderà ancora più interessante: un bicchiere di buon rum.

Il famoso liquore, ottenuto dalla distillazione della canna da zucchero, ha una lunga e gloriosa tradizione negli atolli caraibici; anche alle BVI, il rum è, a buon merito, l’ingrediente fondamentale per la preparazione di vari cocktail dal sapore intenso.

Numerosi sono i locali che offrono drink a base di questo liquore e molti di essi sorgono su alcune dellespiagge più belle delle BVI: dal famoso Soggy Dollar Bar, sull’isola di Jost Van Dyke, ai chiringuiti di Cane Garden Bay, senza dimenticare gli innumerevoli chioschetti in riva al mare. Gli incantevoli lidi dell’arcipelago e i loro tipici locali non potranno che farvi innamorare ancora di più di questo angolo di paradiso.

Anestetizzare lo stresss con il Painkiller del Soggy Dollar Bar

Jost Van Dyke, la più piccola delle quattro isole principali delle BVI, è famosa per i suoi scenari mozzafiato caratterizzati da spiagge di un bianco abbagliante su cui si affacciano rigogliosi rilievi e vivaci barriere coralline brulicanti di fauna marina.

Ma la fama dell’isola non si deve solo ai suoi paesaggi da cartolina: si dice che la ricetta originale del famigerato Painkiller, tra i più famosi cocktail dei Caraibi, sia stata inventata proprio su quest’isola nel 1970, al Soggy Dollar Bar.

Il locale deve il suo nome al fatto che per raggiungere la spiaggia su cui si trova, la bellissima White Bay, i marinai sono soliti ormeggiare le loro barche al largo, per nuotare poi fino a riva. I soldi con cui pagano i loro cocktail sono, quindi, fradici, soggy appunto. Ma gli sforzi per arrivare al locale sono ben ripagati dalla bontà del suo Painkiller.

Il cocktail è realizzato con una base di rum scuro a cui si aggiungono crema di cocco, succo d’ananas e di arancia. Fate però attenzione: nonostante il suo sapore dolce e apparentemente delicato, le dosi di rum sono solitamente piuttosto consistenti.

“A tutto rum” a Cane Garden Bay

Sull’isola principale dell’arcipelago, Tortola, numerose sono le spiagge che meritano una visita: da Smuggler’s Cove ad Apple Bay e Josiah’s Bay Beach, le opzioni per passare una giornata all’insegna del binomio sole/mare soddisfano davvero ogni gusto. Per proseguire nel nostro “rum-tour”, è imprescindibile una tappa alla spiaggia più grande dell’isola, Cane Garden Bay. La baia prende il nome dalla canna da zucchero presente nella zona, che viene utilizzata per produrre il rum. Qui, a pochi passi dalle acque cristalline, si trova la storica Callwood Rum Distillery, un’antica distilleria ancora attiva e oggi adibita anche a Museo del Rum.

Cane Garden Bay è ricca di locali dove poter gustare un classico Rum Punch, un cocktail a base di rum scuro, sciroppo di granatina, un mix di succo d’ananas, arancia e altri frutti (ad esempio, mango o frutto della passione), con l’aggiunta di qualche goccia di angostura bitter: il cocktail estivo ideale, da sorseggiare distesi su un’amaca, magari al tramonto, ammirando il cangiante gioco di luci e colori degli ultimi raggi di sole sull’acqua.

Tutti lo cercano, tutti lo vogliono… il Bushwacker!

Un altro drink assolutamente da assaggiare alle Isole Vergini Britanniche è il cremoso Bushwacker, un frullato a base di rum, crema di cocco, Baileys, Amaretto di Saronno, vodka, Kahlua e sciroppo al cioccolato, il tutto accompagnato da un’abbondante dose di ghiaccio. Diversamente dal Painkiller, non c’è un locale riconosciuto unanimemente come l’inventore della sua ricetta: lo potrete trovare in tutti i bar delle BVI, molti dei quali si vanteranno comunque di offrire “il migliore Bushwacker delle isole”.

Il Crawl Bar del Bitter End Yacht Club, sull’isola di Virgin Gorda, propone questo frozen cocktail come perfetto accompagnamento al piatto della casa, una gustosa leccornia a base di maiale speziato, riso e fagioli rossi.

Il Bushwacker, ideale per rinfrescarsi sotto il caldo sole caraibico, è diventato così popolare da essere preparato anche ben oltre i confini delle BVI.

Annegare i dispiaceri in un Milk of Amnesia

Merita di essere inserita in un itinerario del gusto anche Anegada, un’isola corallina il cui punto più alto non raggiunge i 10 metri. È proprio alla sua conformazione che si deve il nome “anegada”, che in spagnolo significa “annegata”, “affondata”.

Le spettacolari spiagge sabbiose dell’isola, come Loblolly Bay, sembrano estendersi a perdita d’occhio e sono il luogo ideale per scoprire le BVI senza premura, godendosi ogni singolo momento del soggiorno nell’arcipelago.

Questo luogo senza tempo ospita l’Anegada Reef Hotel, il cui beach bar custodisce gelosamente la ricetta del Milk of Amnesia, un cocktail a base di vodka, Kahlua, Amaretto di Saronno, latte… e altri misteriosi ingredienti.

Sebbene si discosti dalla tradizione che vuole il rum locale come ingrediente principe, il cocktail assicura gli stessi effetti benefici: aiuta a dimenticare lo stress e le preoccupazioni già al primo sorso!

News dall’Indocina

22 Lug 2016 In: Estremo Oriente, Varie
• Laos: Singapore Airlines apre verso il Paese

Silk Air, la controllata regionale di Singapore Airlines, inaugurerà due nuovi voli verso il Laos: verso Vientiane e Luang Prabang. Airbus A320 per 3 volte la settimana (Lunedì, Giovedì e Sabato) . La partenza da Singapore sarà alle 14.20, arrivo previsto nella Capitale alle 16.15 per ripartire alle 17.05 alla volta di Luang Prabang. Tutto ovviamente con la garanzia dei servizi offerti da una delle più importanti compagnie aeree al mondo.

Cambogia: Phum Baitang 5* Luxury hotel

Nelle immediate vicinanze del complesso dei Templi di Angkor, un resort di lusso immerso in 8 acri di terreno e di pace. 45 ville in stile cambogiano, alcune con piscina privata; SPA Temple per godere di trattamenti personalizzati, oltre a Yoga e ad un’immensa infinity pool. Un nuovo imperdibile indirizzo di charme a Siem Reap.

• Myanmar: meditazione nel monastero

La spiritualità in esclusiva: un incontro ravvicinato con i riti più ancestrali del Buddismo attraverso un canale preferenziale. Ai piedi delle colline di Mandalay, i vostri clienti potranno essere iniziati all’arte della meditazione e ritrovare finalmente tutte le energie perse. Un’esperienza decisamente fuori dal comune, che raggiunge il suo apice in un Paese come il Myanmar.

• Vietnam: esenzione del Visto prolungata
È finalmente ufficiale: i cittadini Italiani (insieme a Spagnoli, Inglesi e Tedeschi) saranno esenti dal Visto fino al 30 Giugno 2017.
  • Commenti disabilitati su News dall’Indocina
  • Tags:
Continua la promozione last minute di Cathay Pacific che ogni mese propone diverse destinazioni a tariffe speciali per vivere un’autentica esperienza Life Well Travelled. Dal 19 luglio al 2 agosto, Taiwan a partire da 539 euro in Economy Class.

Milano, 19 luglio 2016 – Cathay Pacific continua con la sua fantastica promozione “Imbarco Immediato”: ogni mese una tentazione diversa per regalarsi un viaggio, approfittando di speciali tariffe last minute offerte dalla Compagnia di Hong Kong.

Fascino metropolitano, street food, cultura e paesaggi mozzafiato: sono tantissime le facce dell’Asia da esplorare per una vacanza 100% orientale. E perché non approfittare di alcune destinazioni poco esplorate ma di assoluta bellezza? Taipei e Osaka sono sicuramente la meta perfetta per chi ama le città cosmopolite condite da buona cucina e templi suggestivi.
Dal 19 luglio al 2 agosto, con “Imbarco Immediato” è possibile prenotare un’indimenticabile vacanza alla scoperta di queste due incredibili metropoli, un’occasione imperdibile per vivere in estate o in autunno, per business o leisure, le meraviglie nascoste dell’Oriente. Le speciali tariffe promozionali saranno in vendita dal 19 luglio fino al 2 agosto e consentiranno di viaggiare dal 13 agosto al 30 settembre 2016 e dal 1° al 30 novembre 2016, partendo da Milano Malpensa o da Roma Fiumicino.
–      Taipei A/R a partire da 539 euro in Economy Class
–      Osaka A/R a partire da 559 euro in Economy Class
Le tariffe A/R, disponibili sul sito www.cathaypacific.it, includono tutte le tasse e i supplementi e sono soggette a disponibilità e diverse restrizioni.
Il sistema di intrattenimento con schermo personale e contenuti on demand, la proposta gastronomica ricercata e le tante altre piccole attenzioni riservate ai passeggeri della Compagnia di Hong Kong renderanno il viaggio ancora più memorabile già dalla partenza, in pieno stile Life Well Travelled.
La promozione “Imbarco Immediato”, acquistabile sul sito www.cathaypacific.it e in agenzia di viaggio, si applica anche ad altre destinazioni raggiunte da Cathay Pacific. Numerose sono le offerte del mese per volare:
– in Economy Class (oltre a Osaka e Taipei anche Hong Kong, Canton, Adelaide, Brisbane, Perth, Cairns, Melbourne, Sydney), dal 13 agosto al 30 settembre 2016 e dal 1° al 30 novembre 2016
– in Premium Economy (Hong Kong, Auckland, Taipei), dal 13 agosto al 30 settembre 2016 e dal 1° al 30 novembre 2016.
– in Business Class (Hong Kong, Osaka, Seoul, Singapore), dal 13 agosto al 30 settembre 2016 e dal 1° al 30 novembre 2016.
  • Commenti disabilitati su IMBARCO IMMEDIATO: L’ORIENTE DA PRENDERE AL VOLO CON CATHAY PACIFIC
  • Tags:

Le remote isole Australi e l’inizio della migliore stagione per vivere i magici incontri con le balene
Le isole Australi, misteriose ed affascinanti isole ricche di tradizioni,
dove le spiagge bianche incorniciano magnifiche lagune blu, offrono ai
indimenticabile che ha inizio a luglio e continuerà fino a fine.
Molto più di una semplice esperienza di whale watching, Le isole di Tahiti offrono un incontro intimo e rispettoso che segna un momento molto importante per la gente del posto.
La stagione si apre ufficialmente tra la fine di giugno e l’inizio di luglio con la fioritura dell’Atae, chiamato anche “l’albero delle balene”, ad annunciare l’arrivo di questi cetacei L’itinerario delle balene comprende le isole di Moorea e Tahiti. Molte balene si riuniscono infatti a Tahiti Iti prima di iniziare la loro lunga migrazione verso il polo sud e qui non è raro avere l’occasione di avvistarle fino alla fine di novembre.

Prima di puntare verso l’estremo Sud, le balene si mostrano in tutta la loro bellezza nelle isole Australi, situate a 600 km a sud di Tahiti.
L’arcipelago, scoperto dagli europei nel 18° secolo, comprende un totale di 7 isole, 5 delle quali abitate e raggiungibili in aereo. Sono proprio il loro isolamento e la loro purezza che costituiscono la profonda autenticità di queste isole.
In questa incantevole cornice, i mesi da luglio a fine ottobre sono la stagione ideale per visitare le isole Australi per il passaggio delle balene, che si avvicinano all’arcipelago per dare alla luce i loro cuccioli. Le grotte e le scogliere delle isole sono il luogo perfetto per osservare il loro passaggio, che avviene molto vicino alla riva. Per i viaggiatori più curiosi ci sono molti tour dedicati, attraverso cui è possibile avvicinare le balene in barca e immergersi in acqua per entrare in contatto il più possibile con questi grandi cetacei e ascoltare il canto tipico dei maschi che richiamano gli esemplari femmina, il tutto nella massima sicurezza e nel totale rispetto della natura.
È proprio per il grande amore e rispetto verso questi animali che Le Isole di Tahiti sono state dichiarate Santuario dei mammiferi marini e hanno promosso una moratoria sulla caccia alla balena dal 1986.
Questa isole remote ed incontaminate rappresentano un vero e proprio tuffo nelle tradizioni ancestrali anche attraverso l’arte locale dell’intreccio con foglie di cocco e Pandanus per la produzione di cappelli, tappeti e borse, una tradizione antica in grado di incantare i visitatori e portarli in un mondo completamente nuovo.

LE NUOVE FOOD HALL DI NEW YORK CITY

13 Lug 2016 In: Stati Uniti

Il nuovo trend della ristorazione a New York City sono le food hall, veri e propri templi della gastronomia che riuniscono sotto lo stesso tetto diversi venditori e ristoranti e propongono diverse soluzioni per i gourmet, da pranzi informali fino a cene stellate.

“Le food hall di New York City sono un modo divertente e gustoso per sperimentare il meglio della scena gastronomica della città”, afferma Fred Dixon, presidente e CEO di NYC & Company. “La scelta è davvero ampia, dalle nuove aperture come TurnStyle e The Pennys fino a location già affermate come Chelsea Market e Grand Central Market.”

New York City ospita da tempo famosi food market come Arthur Avenue Retail Market, Chelsea Market, Eataly, Grand Central Market e Gotham West. Accanto a queste location affermate, in questi anni la città sta assistendo ad un vero e proprio boom di food hall, che propongono cucine da ogni parte del mondo.

Le più recenti aperture comprendono:

Berg’n: Inaugurata nel 2015, questa food hall a Crown Heights, Brooklyn, è già un punto di riferimento nel quartiere per la sua offerta gastronomica alla moda. Si possono assaggiare i gustosi burritos di El Meat Hook, la cucina d’ispirazione filippina di Lumpia Shack o gli sfilaccetti di maiale di Mighty Quinn’s Barbeque. Gestito dagli stessi fondatori di Brooklyn Flea e Smorgasburg, Berg’n è aperto a colazione, pranzo e cena. Per maggiori informazioni: bergn.com.

City Kitchen at Row NYC: La food court di Times Square, all’interno del Row NYC Hotel, ha aperto a marzo 2015 e comprende diversi ristoratori tra cui Azuki Sushi, Dough, Gabriela’s Taqueria, ilili Box, Kuro Obi ramen, Luke’s Lobster e Whitman’s New York. Per maggiori informazioni: citykitchen.com.

Hudson Eats: L’esclusiva terrazza di quasi 3.000 mq, situata all’interno di Brookfield Place, a Lower Manhattan, ospita alcuni dei migliori locali casual di New York City, tra cui Black Seed Bagel, Blue Ribbon Sushi Bar, Chop’t, Dig Inn, Mighty Quinn’s Barbeque, Num Pang, Skinny Pizza, Sprinkles e Umami Burger. Hudson Eats può accogliere fino a 600 ospiti e regala una meravigliosa vista dell’Hudson River e della Statua della Libertà. Per maggiori informazioni: brookfieldplaceny.com.

Le District: Nel centro commerciale di lusso Brookfield Place si trova anche un autentico shopping district in stile francese, di quasi 3.000 mq, dove gustare specialità artigianali dalla Francia. Le District comprende la brasserie Beaubourg, il Market, un Garden District con prodotti gastronomici e un bar dove concedersi una pausa a base di cioccolata, caffè, macaron e croissant. Per maggiori informazioni: brookfieldplaceny.com.

The Pennsy: A poca distanza da Madison Square Garden, questa elegante food hall ospita diversi ristoratori come The Cinnamon Snail, Pat LaFrieda Meat Purveyors, Mario by Mary, Lobster Press e The Little Beet. Sono presenti inoltre una lounge interna, un patio e un cocktail bar per aperitivi in giornata e drink sempre diversi durante la settimana. Per maggiori informazioni thepennsy.nyc.

Queens Night Market: Il grande mercato notturno del Queens ospita diversi banchi dove acquistare oggettistica, arte e cibo, in piena sintonia con la ricchezza culturale del distretto. Il mercato si trova all’esterno del New York Hall of Science a Flushing Meadows Corona Park e si svolge ogni sabato fino al 20 agosto, dalle 18 fino a mezzanotte. La lista aggiornata dei venditori si trova suqueensnightmarket.com.

UrbanSpace Vanderbilt: A meno di cinque minuti a piedi da Grand Central Terminal, la food hall di Midtown riunisce oltre 20 proposte di cucina genuina e di qualità, tra cui la celebre pizzeria di Brooklyn Roberta’s, la famosa catena di negozi di doughnut Dough e Red Hook Lobster Pound. Ulteriori informazioni su urbanspacenyc.com.

TurnStyle: La nuova food hall sotterranea di Manhattan è all’interno della stazione metropolitana di Columbus Circle e ospita oltre 30 piccoli ristoranti e negozi, tra cui Blossom du Jour, Bolivian Llama Party, Doughnuttery, Dylan’s Candy Bar, The Pizza e Yong Kang Street. Per la lista completa, visitare turn-style.com.
Le nuove aperture del 2016:

Eataly: La famosa catena italiana, che al suo interno raccoglie ristoranti, bar, panificio, cooking class e supermercato, ha in programma di aprire quest’anno un nuovo store di 3.700 mq al 4 World Trade Center. Maggiori informazioni su eataly.com.

The Great Northern Food Hall: È in programma per quest’estate l’apertura della food hall ispirata alla cucina nordica dello chef Claus Meyer. Situata nella Vanderbilt Hall di Grand Central Terminal, su una superficie di 400 mq, propone prodotti da forno, granola e smørrebrød, il tipico panino danese di pane di segale farcito in mille varianti. Per rimanere aggiornati, si può visitare il sitograndcentralterminal.com.

Gotham Market at The Ashland: Gotham West Market, la destinazione perfetta per mangiare a Hell’s Kitchen di giorno e di notte, in autunno inaugurerà una nuova location, all’interno di The Ashland nel quartiere di Fort Greene a Brooklyn. Lo spazio, di quasi 1.500 mq, ospiterà temporary restaurant di chef locali e ristoranti permanenti come Apizza Regionale (cucina italiana), Flip Bird (rosticceria), Mu Ramen (noodles, hamburger e cucina giapponese) e il famoso ristorante barbecue Mason Jar di Midtown. Altre informazioni sugothamwestmarket.com.

L’estate è il momento perfetto per scoprire le meraviglie e le molte sfaccettature della Tunisia. A poche ore di volo dall’Italia, è il luogo ottimale per chi vuole vivere una vacanza in completo relax oppure fuggire dalla quotidianità e inseguire il sole. La dolcezza delle sue morbide spiagge, lambite dalle acque limpide e tranquille del Mediterraneo, la sua cultura, le tradizioni, e l’opportunità di concedersi una meritata pausa rigenerante o praticare lo sport preferito, rendono questa destinazione adatta per vivere tante diverse esperienze in un unico viaggio.
Al nord, la città di Tabarka, affacciata sulla costa del corallo dove una serie di calette naturali si stagliano lungo i 300 km di costa, è l’ideale per trascorre una vacanza all’insegna dello sport. Apprezzata soprattutto per il suo mare cristallino, è un vero paradiso per gli amanti dell’immersione. Con i suoi quattro centri diving, Tabarka viene scelta per praticare immersioni e ammirare i ricchi fondali marini, le scogliere, i tunnel e la famosa rocca delle cernie. Qui, abbracciato da montagne a strapiombo sul mare, si trova anche uno dei più rinomati campi da golf della Tunisia: il Tabarka Golf Course che gode di una posizione eccezionale tra pinete, stagni e dune di sabbia.
Un altro campo di fama internazionale è El Kantaoui Golf Course a Sousse, città dai mille contrasti, ricca di storia e di modernità. Si estende per un’area di 132 ettari con due percorsi a 18 buche: uno più semplice per i giocatori alle prime armi ed uno più impegnativo, che si snoda tra la collina, gli alberi e le ville di Port el Kantaoui, con alcuni fairway costellati da olivi e laghi.
Per chi non ama lo sport e preferisce il relax più assoluto, le località di Hammamet e Mahdia sono le soluzioni più indicate.
Sia ad Hammamet, il cui nome deriva proprio da “hammam” e significa bagno termale, sia nella località di Mahdia, città ad un passo dalle spiagge più belle del Mediterraneo, sono presenti strutture moderne e accoglienti in grado di offrire agli ospiti il meglio dei trattamenti per la salute e la bellezza.
In Tunisia il benessere è soprattutto sinonimo di talassoterapia, una cura millenaria che ha radici profonde nella storia e che veniva già praticata dagli antichi Egizi, Romani, Greci e Fenici.
Si tratta di una terapia naturale che sfrutta gli effetti benefici dell’acqua marina e che regala ancestrali benefici a chi la prova. Inoltre, le proprietà dell’acqua unite a quelle dei prodotti marini come sabbia, alghe e fanghi agiscono sul corpo e sulla mente, curando o donando un equilibrio che si concretizza in benessere.
Ed ancora, per gli amanti del mare e delle belle spiagge, a sud del paese si trova Djerba: un’oasi di bellezza dalle acque cristalline alle porte del deserto del Sahara, da sempre apprezzata per l’atmosfera di pace e serenità che si respira a ogni angolo. Qui, le sfumature predominanti sono il bianco e l’azzurro, che mettono in risalto i vivaci colori dei prodotti tipici dell’isola: dalle tradizionali ceramiche, stoffe, argenti, alla frutta e verdura fino alle spezie. Poco più a sud, a soli 30 km di distanza c’è la località di Zarzis, indicata per chi gradisce trascorrere una vacanza in tranquillità sulle spiagge di sabbia fine e scoprire la natura più autentica delle popolazioni che abitano in queste zone ricche di fascino.

  • Commenti disabilitati su L’estate tunisina tra sport all’aria aperta e benessere
  • Tags:


Video









Cerca